News

RAPPORTI INTERNAZIONALI - Il programma di attività dell’UEHP per il 2013

di Alberta Sciachi - 19.12.2012 10:42

l Direttivo UEHP, riunitosi il 6 e 7 dicembre scorso a Bruxelles, ha esaminato il programma di azione proposto dalla Delegazione generale. Il piano di attività per il 2013, che dovrà essere approvato in via definitiva dall’Assemblea generale dell’UEHP, è molto intenso poiché segue punto per punto le decisioni in corso di elaborazione a Bruxelles e prevede alcune iniziative pubbliche destinate a rendere sempre più dinamica l’azione di lobbying presso il Parlamento europeo e la Commissione, sviluppando anche le opportune sinergie con altri stakeholder.

In maniera schematica si possono così riassumere gl’impegni principali sui quali riferiremo in dettaglio, una volta che siano approvati e progressivamente realizzati :

  • In materia di Aiuti di Stato è prevista una nuova iniziativa del Commissario Almunia della DG Concorrenza al fine di modernizzare la disciplina comunitaria in questo campo. Il progetto offrirà l’occasione per presentare nuovamente alle autorità competenti, tra cui il Commissario al Mercato interno Barnier, le esigenze dell’ospedalità privata nell’ambito del mercato sanitario europeo.

  • Nei rapporti con la Direzione sanità della Commissione, che interagisce ormai regolarmente con ECOFIN, si proseguirà nell’azione associativa volta ad ottenere una raccomandazione perché siano pubblicati i bilanci degli ospedali pubblici, al fine di ottenere una maggiore trasparenza nella gestione e valutazione dei sistemi sanitari nazionali.

  • La Commissione europea sta affiancando gli Stati membri nel complesso iter di preparazione all’applicazione nazionale della Direttiva sulla mobilità dei pazienti. Due punti interessanti per il nostro settore sono costituiti dalla individuazione dei centri europei di riferimento per le alte specialità e dall’attivazione dei punti d’informazione nazionali (“infopoint”) per l’accesso alle prestazioni sanitarie transfrontaliere. Riguardo a questo secondo punto ogni Associazione nazionale deve controllare che le indicazioni fornite ai pazienti siano simmetriche e complete, abbracciando l’intera offerta disponibile nello Stato membro, pubblica e privata accreditata.

  • Per quanto concerne la proiezione dell’immagine del nostro settore, si sta ultimando l’attività volta a lanciare un Label di qualità delle istituzioni sanitarie private europee, certificato dal CEN (Centro Europeo di normazione) e sperimentato attraverso un progetto pilota volontario. L’iniziativa potrebbe essere presentata al Parlamento europeo nel corso del prossimo anno.

  • L’UEHP sta valutando la proposta di Active Citizenship di partecipare all’edizione 2013 della “giornata del paziente”, che si svolge al Parlamento europeo. Questo consueto appuntamento annuale, già riconosciuto di rilevante importanza, registra questa volta una partecipazione ancora più ampia dei responsabili delle istituzioni centrali europee, ancora nella prospettiva dell’applicazione della Direttiva sulla mobilità.

  • L’UEHP presenterà a breve la propria posizione ufficiale in merito alle problematiche relative alla crisi economica ed al modo di salvaguardare il welfare europeo, stimolando l’efficienza della spesa sanitaria e valorizzando il contributo dei provider privati.

  • A partire dal mese di luglio 2013, infine, partirà la campagna elettorale per il nuovo Parlamento europeo ed in questa prospettiva l’UEHP s’impegna a far conoscere le posizioni ufficiali dell’ospedalità privata ai candidati.