News

PRIMO PIANO – La Manifestazione Aiop a Roma dell’11 dicembre 2012

di Gabriele Pelissero - 20.12.2012 19:00



La manifestazione a Roma di martedì scorso 11 dicembre, davanti alla sede della Regione Lazio, è stato un evento particolarmente importante, che ha colpito l’opinione pubblica e molte forze politiche, e che spero possa richiamare ancora di più l’attenzione sul nostro settore. Ancor più che per le dimensioni – che pure ha visto la partecipazione di circa 10.000 persone – il sit in si è caratterizzato per il fatto di aver unito lavoratori, datori di lavoro e associazioni professionali nella richiesta di “salvare il SSN” da tagli indiscriminati che, questi sì, rendono insostenibile il SSN, istituzione che il Presidente della Repubblica Napolitano, lo stesso giorno, ha definito “titolo di civiltà del nostro paese”.

La nostra battaglia non si è certo conclusa e nemmeno la crisi di Governo consente una pausa all’azione esecutiva del Ministero e delle Regioni, e quindi al nostro impegno. Prima della pausa natalizia trasmetterò una nuova nota per fare il punto della situazione, ma non potevo far trascorrere troppi giorni per esprimere l’attestazione della mia gratitudine per i tanti Presidenti regionali e Consiglieri nazionali che, personalmente o con l’invio di una significativa rappresentanza, sono stati presenti alla manifestazione dell’11 dicembre, tra cui l’intero Comitato Esecutivo. Siamo stati l’unica Associazione ad aver avuto una dimensione nazionale, esprimendo la presenza della maggior parte delle sedi regionali (il n.16 Speciale Informaiop di martedì sera 11 dicembre è stato testimone con video e foto di questa partecipazione) e ciò ha certamente incoraggiato l’azione dei nostri amici di Aiop Lazio, direttamente coinvolti nella protesta. Ma soprattutto ciò è stata la dimostrazione di una grande compattezza associativa che, in uno dei momenti più delicati della storia del paese, è di grande valore.

Permettetemi quindi di esprimere la gratitudine e l’orgoglio di essere il Presidente nazionale di questa Associazione. Ci attendono ancora giorni difficili, ma questa unità e compattezza di Aiop danno a ciascuno di noi l’entusiasmo per non risparmiarsi, la consapevolezza di non essere soli e di poter contare sul contributo operoso di ciascuno.