News

RAPPORTI INTERNAZIONALI - Gli sviluppi della sanità elettronica nel Piano di azione 2012-20 della Commissione europea

di Alberta Sciachi - 21.02.2013 10:21

La Commissione europea ha di recente adottato il Piano di azione per lo sviluppo dell’informatica sanitaria, intitolato “Innovative healthcare for the 21st century”. La finalità generale del progetto, che si estenderà fino al 2020, è quella di migliorare l’assistenza sanitaria, contenere i costi delle cure, e consentire ai pazienti un maggiore controllo sulla propria salute.

Mentre i professionisti della sanità usano gli strumenti informatici e milioni di Europei hanno scaricato sui loro smartphone applicazioni relative all’ambito sanitario, la sanità digitale non ha ancora raggiunto il suo enorme potenziale per migliorare l’assistenza e generare risparmi determinati dall’efficienza della spesa.

Il Piano per un futuro digitale della sanità tenta quindi di accelerare il cambiamento stimolando il progresso della sanità informatica attraverso una serie di azioni specifiche destinate a:

  • Chiarificare le aree d’incertezza legale

  • Migliorare l’interoperabilità dei sistemi

  • Accrescere la consapevolezza e le abilità tra pazienti e professionisti del settore

  • Mettere i pazienti al centro sostenendo la ricerca per una medicina personalizzata anche tramite iniziative riferite alla gestione del personale sanitario

La Commissione è, inoltre, impegnata nell’elaborazione entro il 2014 del Libro verde sulla Mobile Health (m-Health) considerando lo sviluppo che registra la diffusione d’informazioni relative alla sanità nella telefonia mobile. Nel Piano di azione è previsto anche l’esame dei problemi di applicazione alla telemedicina della vigente normativa dell’Unione, con particolare riferimento alla tele-radiologia, tele-consultazione e tele-monitoraggio.

In occasione delle presentazione del nuovo progetto, il Commissario europeo per la sanità, Borg, ha dichiarato: “Le soluzioni rese disponibili dall’informatica sanitaria possono consentire di offrire un’assistenza di alta qualità, centrata sui pazienti. Il Piano di azione è destinato a trasformare il potenziale dell’e-Health in cure migliori per i cittadini europei. In questo campo il network previsto dalla Direttiva sull’accesso alle prestazioni transfrontaliere indirizza il nostro impegno congiunto ( tra Commissione e Stati membri)per trovare soluzioni tali da consentire l’interoperabilità a livello dell’UE.”

Le prime azioni previste dal Piano riguardano appunto la ricerca di procedure unificanti per l’interscambio d’informazioni, facilitando così l'interazione anche fra sistemi informativi non omogenei, in maniera affidabile e priva di errori. Al fine di compiere passi concreti per l’integrazione dei processi nella e-Health transfrontaliera è prevista innanzitutto la produzione di linee guida per i dati da includere nelle cartelle cliniche da trasmettere per via elettronica.

Scarica: sanità elettronica EN