News

RAPPORTI INTERNAZIONALI - La settima Giornata dei Diritti del paziente a Bruxelles

di Alberta Sciachì - 14.03.2013 12:01

L’Unione Europea ha deciso di dedicare l’anno 2013 ai diritti dei cittadini europei. L’obiettivo della Commissione è rendere i cittadini stessi più consapevoli dei diritti loro attribuiti dalle nuove politiche comunitarie e stimolarne l’attiva partecipazione al processo di elaborazione di una “sanità europea”.

In questo quadro, l’organizzazione internazionale ACTIVE CITIZENSHIP ha scelto di dedicare la settima edizione della “Giornata del paziente”, che si svolgerà a Bruxelles il 16 maggio prossimo, alla Direttiva 2011/24/UE, comunemente conosciuta come “direttiva sulla mobilità”, ma più esattamente e significativamente intitolata “direttiva sul diritto di accesso alle prestazioni transfrontaliere”.

La norma in questione -che come noto chiarisce le condizioni legali in base a cui i cittadini possono ottenere il rimborso dei servizi sanitari fruiti in un altro Stato membro- implica il riconoscimento di una serie di diritti fondamentali, quali la libertà di scelta, l’accesso all’informazione e le garanzie di sicurezza e qualità delle cure.

In un’ottica più ampia, la normativa, che dovrà essere obbligatoriamente attuata dagli Stati membri entro il 25 ottobre p.v., pone inoltre le basi per una più intensa e costante cooperazione europea in ambiti strategici, quali i centri europei di alta specializzazione, le malattie rare, la qualità, la sicurezza, l’informatica sanitaria, l’assessment delle nuove tecnologie.

L’attuale crisi economica pone problemi di sostenibilità ai sistemi sanitari nazionali e richiede una riflessione su nuovi modelli di governance, trattamenti innovativi e cure personalizzate. In tale contesto, la conferenza, patrocinata dal Comitato Economico e Sociale della Commissione, si propone di presentare una panoramica della situazione europea in riferimento a norme, barriere, esperienze, good practices ecc.. L’obiettivo è quello di invitare a confrontarsi su questi temi la Direzione generale SANCO della Commissione, le Autorità sanitarie nazionali e regionali, i professionisti della sanità e naturalmente le organizzazioni dei cittadini.

L’UEHP sarà rappresentata dal prof. Paul Garassus (Presidente del Consiglio Scientifico di BAQIMEHP e Vice Presidente della società francese di economia sanitaria), il quale illustrerà il progetto per un label di qualità dell’ospedalità privata europea.