Sedi Regionali e Provinciali

AIOP TOSCANA - Integrazione del sistema di attestazione volontaria delle buone pratiche per la sicurezza del paziente

Avv. Giannuzzi - 04.07.2013 10:58


Avv. Giannuzzi

La giunta Regionale Toscana con delibera n. 441 del 10 giugno 2013, con oggetto “Integrazione del sistema di attestazione volontaria delle buone pratiche per la sicurezza del paziente con il sistema di accreditamento istituzionale delle strutture sanitarie” e modifica della D.G.R. n. 267 del 16/04/2007, ha deliberato che:

1) le buone pratiche per la sicurezza del paziente attestate dal Direttore Generale nella domanda di accreditamento presentata dalle strutture sanitarie pubbliche (decreto del Presidente della Giunta regionale n. 61/R del 24 dicembre 2010) hanno lo stesso valore di quelle autocertificate tramite il sistema di attestazione volontaria di cui alla D.G.R. 267/2007;

2) le modalità di valutazione e monitoraggio nel tempo del possesso dei requisiti previsti dalle buone pratiche attestate, nonché il processo di attestazione delle buone pratiche per la sicurezza del paziente, nell’ambito del sistema di accreditamento istituzionale, con relativa consegna dei certificati da parte del Centro Gestione Rischio Clinico e Sicurezza del paziente, si svolgono come definito nell’allegato A alla presente deliberazione che ne costituisce parte integrante e sostanziale;

3) il rilascio dei certificati nell’ambito del sistema di accreditamento istituzionale è successivo alla presa d’atto delle attestazioni presentate dalle strutture sanitarie pubbliche di cui all’art. 28, comma 3 del regolamento n. 61/R del 2010 o al rilascio dell’accreditamento da parte dell’ufficio regionale di competenza;

4) le buone pratiche sono indicate da ora in poi con la nuova denominazione “pratiche per la sicurezza del paziente”;

5) l’inserimento dopo il punto 3 del dispositivo della DGR 267/2007 del seguente punto 3 bis “che ogni modifica alla scheda tecnica di una buona pratica per la sicurezza del paziente sia oggetto di specifica approvazione del Comitato Scientifico (DGR n.50 del 26/01/2004 ) del Centro Gestione Rischio Clinico e Sicurezza del Paziente della Regione Toscana. Il Centro GRC si fa carico della comunicazione pubblica”;

6) gli auditor regionali di cui alla D.G.R. n. 101 del 16 febbraio 2009 “Indirizzi per la gestione degli eventi avversi e la pratica dell`audit clinico (ex delibera G.R. n. 704 del 08/10/2007” partecipano alle attività di cui al punto 4) della tabella dell’Allegato A del presente atto;

7) di impegnare le Aziende Sanitarie ad intraprendere tutte le azioni organizzative e amministrative necessarie all’adeguamento dei processi organizzativi per realizzare le modifiche descritte nel presente atto.


Scarica: